logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Archivio

Ancora Piemonte, Toscana ed un pizzico di Slovenia

Cari navigatori,
qua sotto i resoconti delle nostre ultime bevute, in ordine di tempo, beninteso.
Abbiamo stappato qualche bottiglia buona e qualche altra meno... Di queste sicuramente
NON RICOMPREREMO: Alteni di Brassica 97 e il V. Nobile Tre Rose; mentre assolutamente da non perdersi il PAJANA 96 di cui abbiamo già fatto incetta (alla faccia dei tradizionalisti più convinti... secondo noi esprime fieramente il carattere del suo autore: esplosivo e furbo al contempo fiero di essere langarolo) ed il Bentivoglio che se anche semplice "non ci disgarba punto".
Piemontesi
Barolo Pajana '96 - D. Clerico
Barolo Vigna Gattera '96 - Bovio
Pin '97 - La Spinetta
Barbera Marun '99 - Matteo Correggia
Alteni di Brassica '97 - Gaja

Toscanacci
V. Nob. di Montepulciano Vigna Asinone 97 - Poliziano
V. Nob. di Montepulciano Ris. '95 - Salcheto
V. Nob. di Montepulciano '99 - Tre Rose - Ten. Angelini
Bentivoglio '98 - Tenuta Farneta
Paleo '96 - Le Macchiole
Sangioveto 2000 - Enrico Fossi

Sloveni
Zlatan Plavc Barrique '95 - Zlatan Otok

PIEMONTESI
Barolo Pajana '96 - D. Clerico
Color rosso rubino intensissimo con unghia aranciata.
Al naso si percepisce una bella intensità mediterranea con fiori di rosmarino e alloro smussati con "dolcezza" da sentori di cacao "amaro", poi si chiude e non si concede più, diventando crudo e balsamicamente arroccato nel rovere.
In bocca attacca caldo ed ampio con cenni di liquirizia e funghi con bella corrispondenza naso bocca nel finale, i tannini si fanno sentire in modo irruento, ma non prevaricante anche il legno sembra fuso piacevolmente con le altre componenti e non prevarica. Da aspettare, migliorerà...
+ ci piace questa sua voglia e non voglia di concedersi...

Barolo Vigna Gattera '96 - Bovio
Color rosso cupo tendente all'amaranto.
Il naso si apre non nettissimo anzi con connotazioni selvagge ed irruente
con l'alcol che marca pesantemente il tutto e aggredisce le cavità nasali.
In bocca attacca ampio ma sia l'alcol che il tannino non sono adeguatamente
sorretti da un corpo all'altezza, neppure l'acidità che nei 96 dovrebbe esser ben presente
si degna di contrastarli rendendo la beva un po' difficoltosa e finanche stancante.
Non sappiamo se a star lì migliori
+ per chi ama le sensazioni forti e alcoliche (fumatori e masticatori di tabacco)
- un barolo vinificato tradizionalmente male

Pin '97 - La Spinetta
Colore denso e carico, giovanile, molte particelle in sospensione.
naso morbidamente accattivante, vaniglia lampone, bacche rosse, ma non si è
mosso di un pelo da due anni a questa parte.... Bocca levigata, larghetta,
facile e acchiappavoti, ma la grinta, la grinta.... lunghezza accettabile.
Per noi è pronto anzi è già passato.
- Un esempio di vino acquistato due anni fa e che mai ricomprerem(m)o in
futuro; moderno ma l'anima è fortemente latitante.


Barbera Marun '99 - Matteo Correggia
Colore moderno.
Naso fruttoso, "carnoso" e ben infiocchetato.
Bocca un po' troppo larga e densa, una materia importante ma anche pesante,
l'acidità quasi non si avverte, da cui una progessione poco dinamica.
Finale corretto ma senza emozioni.
- Ma la freschezza della Barbera dove è finita? Chissà che farà 'sto vino
fra 3 o 4 anni: sappiamo però bene cosa ci fa ora: fatica a finirlo, in 2
parole "due marun".

Alteni di Brassica '97 - Gaja
Colore giallo carico.
Naso di frutta stramatura, molta pesca, sentori vegetali e/o minerali
praticamente assenti, rovere non proprio in secondo piano; bocca grassa ma
senza necessaria controparte, da cui un effetto saturante e stancante;
avanza un po' bolso e conclude solo abbastanza lungo.
L'unico modo in cui potrebbe migliorare è quello di scambiarlo con altre
bottiglie...
- Gran delusione: si aveva in mente lo sferzante 1996 con la sua
graffiante mineralità in divenire....

TOSCANACCI
V. Nob. di Montepulciano Vigna Asinone '97 - Poliziano
Color rosso rubino carico.
Dolce, dolce, dolce... il naso non tipicissimo è sovrastato dal rovere
che prepotentemente si percepisce con toni di caramello, vaniglia e cioccolato, se si scava però la florealità tipica del prugnolo affiora con fiori di mamola e viola legati ai frutti come la prugna e la susina in bella evidenza. Speriamo comunque che questo legno non sopraffagga questa vena profumata così bella e che col tempo venga fuori questo carattere gioviale e fresco che ora è un poco nascosto.
In bocca questa morbidezza sentita al naso viene ribadita con un bel finale caramelloso che non dispiace ma che non ci acchiappa del tutto.
Da aspettare ancora....
- L'uso che del rovere è stato fatto sembra eccessivo.
+ E' sempre ruffiano, come le sirene chiamavano Ulisse l'Asinone chiama noi altri... speriamo di non infrangerci sugli scogli!

V. Nob. di Montepulciano Ris. '95 - Salcheto
Colore granato.
Naso di buona profondità e varietà, interessante, ben sviluppato, composto
ma non scontato: legno di botte grande, radici, humus, a tratti cuoio: in
alcuni momenti stranamente quasi brunelleggia.
Perfetto l'equilibrio in bocca, sostenuto, calibrato, sobria gentilezza
nell'incedere, c' è quello che serve ad avviluppare con dolce rigore il
tannino maturo e saporito ben abbraciato ad un sentore di botte che non
dispiace, fino al finale di apprezzabile, pur se non stupefacente,
lunghezza.
+ Bello ed espressivo esempio di Nobile di aromi classici senza rudezze,
ad un prezzo ( Euro 24 circa al ristorante) secondo noi giusto.

V. Nob. di Montepulciano '99 - Tre Rose - Ten. Angelini
Colore acceso e vivace.
Naso interessante, ferrosetto, leggera amarena, netto e smagliante, emerge
poi una tipicissima nota di giaggiolo contornata da piacevole florealità.
Bocca meno coinvolgente, strettina, magra un po' contratta e soprattutto
piuttosto corta... Vino pronto niente più.
- Dichiara 14,5 di alcool in etichetta; non si sentono, non in male, ma
neanche in bene...

Bentivoglio '98 - Tenuta Farneta
Colore granato.
Naso asciutto, terroso, radice di liquirizia, sobrio e affilato.
Bocca di buona tenuta, mai grossa né densa, finale dai tannini asciugantini
un po' scoperti.
+ Onestà e coerenza con quello che vuol esser ed è: un prodotto semplice ma
sano.
- Certo un filo di urbanità in più...

Paleo '96 - Le Macchiole
Colore rubino non acceso, tende verso il granata;
naso piuttosto interessante, di bella bordolesità, note verdi smussate,
sapiente speziatura, soffi di frutta nera; bocca di buona concentrazione,
si snoda con compostezza, senza strappi ma anche senza accellerazioni; chiude
francamente un po' prestino.
La maturità di questa bottiglia ci lascia perplessi, è già in discesa???
- Nel ricordo era più "violento" e sfacciato, senza mostruosità, però,
molto personale;
- Evoluzione non in linea con un assaggio datato 2000: personalità in tono
minore, maturità fin troppo ... matura; manca quella irruenza che ci fa
volentieri amare il Paleo.

Sangioveto 2000 - Enrico Fossi
Colore rubino non brillante.
Naso scuro, amaro, legnoso, note di ciliegia sotto spirito, sovramaturità:
bocca di nuovo amara, slegata, grande calore da cui emergono sgraditi
tannini astringenti, amaricanti, poi giunge il rovere, da solo, sovrapposto
alla materia senza essere agganciato ad essa, finale interrotto da quanto
sopra.
- Dove è la piacevolezza di questo vino? Curve di maturità zuccherina e
fenolica mai intersecanti e vinificazione invasiva...
- Costa sui 6 euro in cantina.

SLOVENO
Zlatan Plavc Barrique '95 - Zlatan Otok
Color rubino non limpido tendente al granato.
Naso connotato dal legno e carico di frutta macerata e cotta anzi in cottura,
come la marmellata di prugne.
In bocca attacca caldo e caratterizzato da un vago sentore di botte sporca
mischiato al selvaggina caratteristica del vitigno...
il finale non è lunghissimo ma accettabile. Pronto ma anche da aspettare per vedere cosa fa....
- Forse un poco violento nel porsi ma smussato rispetto alla versione base del 97,
che difficilmente dimenticheremo quando è volata, con il bicchiere tutto, nell'orto.

Un abbraccio dai Fulminati

Antonio & Luca

Libri

La Rivista