logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Le degustazioni

Il Fiano del vento - La verticale del Don Chisciotte

Indice articoli

L’incontro è stato organizzato da Matteo Gallello, realizzato con la collaborazione della Tradizione, Gabriele Bonci e di Pomarius. Grazie al prezioso aiuto di Chiara Guarino, Pino Carone e Laura Pinelli. Condotto da Sandro Sangiorgi con Nerina e Pierluigi Zampaglione.


di matteo gallello

Grande era la follia di Don Chisciotte, e grande era perché la radice da cui cresceva era grande: l’inestinguibile brama di sopravvivenza, fonte delle più stravaganti follie come pure degli atti più eroici.
Miguel de Unamuno, Vita di Don Chisciotte e Sancho, traduzione italiana di Antonio Gasparetti, Mondadori, Milano 2006


Incontri alcune cose nella vita che ti fanno cambiare: Smells like teen spirit ascoltata a 14 anni, un qualsiasi Brunello di Montalcino bevuto a 19, la lettura di Così parlò Zarathustra a 21, sapere dell’esistenza delle uve bianche vinificate in rosso a 24.
Era il 2009 e fu una delle mie prime scoperte del vino naturale, quel collegamento semplicistico e utile che ti porta a collocare in modo quadrato le notizie: macerazione sulle bucce di uve bianche = vino naturale. Si tratta solo dell’anticamera che ti porta in una grande gabbia di dubbi che la dedizione al vino ti presenta costantemente. Ricordo perfettamente quel Don Chisciotte 2006.
Pensai, assaggiandolo, che non esistesse nulla di più mitico. C’era un velo di segretezza, come in un disco dei Faust. Nessun vino, fino a quel momento, aveva mai tentato di presentarsi con quell’espressione così contraddittoria e in piena opposizione alle regole riportate sui libri che mi erano passati tra le mani. Mi sembrava una sfida meravigliosa che realizzava il significato della parola immaginazione. E poi quel nome, l’incarnazione dell’idealismo umano... e tante altre cose.

Il Fiano del vento, la verticale di Don Chisciotte - Porthos Edizioni

Passati cinque anni, durante i quali non sono mancati gli assaggi delle varie annate del Don Chisciotte, ho avuto finalmente l’occasione di arrampicarmi lungo l’Ofantina, fino a Calitri. Ci sono andato con l’amico Pasquale Petrillo, avellinese di nascita e di formazione, dopo aver viaggiato insieme a lui per due giorni nell’Irpinia classica. Arrivati al Tufiello ci è apparso un paesaggio di un altro mondo, omogeneo, semplice e molteplice. Boschi, campi di terra nera preparati alla semina del grano, dalla ricchezza inquieta. La luce smorzata di quel giorno, fine settembre, pioggia, vento e sole, un’asprezza che t’intimorisce e meraviglia. Scorgere la Vigna del pero, e poi l’incontro con Nerina e Pierluigi, condividere con loro un pranzo in un paese vicino, Bisaccia, percepire l’ombra del Vulture in lontananza.
In questo luogo la vite è un’eccezione, un impegno critico perché poco considerato. Quali sono le relazioni del vigneto con il contesto circostante? Qual è il suo valore culturale? Direi, con un’accezione positiva, quasi nessuno. Solo nella zona adiacente a Calitri, siamo a 600 metri, si produceva un buon Aglianico; ma la vigna a quasi 800 metri di altitudine ha un’implicazione ideologica perché è un tentativo che valorizza, con altri significati, il senso del luogo. È una prospettiva nuova e ancora giovane, gli Zampaglione hanno raccolto solo nove vendemmie, le viti hanno circa quindici anni, un tempo “di scoperta e costruzione”.
Piantare il fiano è un’intuizione di Guido Zampaglione, nipote di Pierluigi e Nerina; il Don Chisciotte fino al 2009 è opera sua. Una scelta di responsabilità e studio: ha consultato vari scritti del secolo scorso dai quali emergeva che, proprio in quella zona, il Santa Sofia, un vecchio clone di Fiano così denominato a Calitri, aveva grandi potenzialità. Certo, la dose di azzardo è consistente, Guido non ha avuto modo di confrontarsi con viticoltori, non conosceva una storia “reale” della produzione, gli amici e “gli indigeni” sicuramente non lo incoraggiavano...
Ora tocca a Nerina e Pierluigi, in questa situazione rocambolesca: di solito gli anziani lasciano l’eredità del fare ai più giovani.
Ora tutto converge sulle loro forze e sul modo di tradurre la continua, folle, scoperta del Don Chisciotte.

Vigna del Pero a Calitri - Porthos Edizioni
foto di davide vanni

2013
Linea vegetale-floreale come di fiore appena reciso; netto, finezza cercata.
Si muove agile, cammina svelto senza perdersi, senza strappi.
Evocaivo ritorno di arancia chiara. Pensato, consapevole, meno istintivo.

2012
Pieno, cedevole – un’accezione di prodigalità – luce forte e vitale;
bella l’ossidazione, riporta alla cottura di un frutto buono.
Sempre agile, meno impegnato del precedente ad alzare la testa, è pur sempre testardo e vanitoso ma anche teso e fervido.

2011
Arrendevole e sereno, fiorile, si mantiene su una pervicace forza minerale.
Coeso e saporito, festoso, per nulla tenero, capace di tenere le redini, generoso.
Il più donchisciottesco.

2010
Chiuso, fuoco freddo, marino.
Acidità più scoperta, quasi citrina, si sofferma sulla rigidità e declina verso una tensione meno funzionale al contesto.

2009
Carne fresca, sentori lacustri...
Una chiusura decostruttiva, come a rielaborare il senso.
Vitalità e stridori, sudori, impervi.

2008
Serenità, pensiero deciso, impronta e graffio.
Amaro di amaro, tirato fuori, estrazione-funzione.
Portare a sé, per sé.

2007
Calore di cera, veracità, attrazione.
Massivo, granitico.
Terroso, dialettico, stridori costruttivi.



di sandro sangiorgi

Prima, a Porthos
Anche per me il Don Chisciotte 2006 è stato una rivelazione.
Prima ancora di sapere che cosa fosse il Tufiello e dove fosse Calitri, il vino propostomi da Guido Zampaglione mi aveva rapito e trasportato in una dimensione sconosciuta. Sì, come scrive Matteo, il bianco ottenuto con una fermentazione sulle bucce, con le bucce... ma tutto questo non bastava a spiegare quel Fiano pieno di luce, che mi mostrava quanto fosse inutile costringere i vini naturali dentro un recinto, quasi a volerli difendere dal rischio di non essere capiti. No, il Don Chisciotte 2006 portava in dotazione quell’universalità capace di rompere qualsiasi barriera. Ricordo bene lo stupore e l’incredulità della prima volta in cui, un paio d’anni dopo, lo condivisi con una classe: la percezione di una bellezza desueta, imprevedibile e scollegata da qualsiasi aspettativa. Una tale esperienza genera un affetto sognante, dove la suggestione diventa parte dell’esperienza sentimentale. E che, poi, incontra l’inevitabile: un’annata non può ripetersi. Allora comincia un’esplorazione più critica, nella quale si prende in considerazione il percorso di un’azienda giovanissima e la nascita di liquidi molto diversi tra loro, frutto di condizioni naturali differenti ma anche di un continuo confronto stilistico, un vero processo di evoluzione produttiva. Ecco, appena ci s’immerge in questo, non c’è spazio per la nostalgia di bottiglie irripetibili, si rafforza invece l’affetto per quel vino nella sua interezza, soprattutto in virtù delle versioni più fragili, dalle quali si scorge intatto il proposito iniziale e trapela il sudore di un cammino impervio.

Dopo, a Porthos (come sempre)
Nerina e Pierluigi hanno preso in mano il Don Chisciotte dall’annata 2010. Sono due agricoltori impegnati sin dal 1987 nella conduzione biologica della loro terra e che, da poco tempo, stanno imparando a fare il vino. A Porthos hanno portato la loro giovane esperienza, hanno raccontato il progetto e come vorrebbero che si trasformasse. Hanno spiegato perché amano il Don Chisciotte di oggi, meno estremo di quello curato dal nipote Guido – assistito allora da Giulio Armani – e come percepiscono benefica l’accoglienza di una clientela dalla sensibilità diversa. A quel punto è cominciata la degustazione e, come sempre, il liquido odoroso ha parlato con una chiarezza adamantina, valicando di slancio i nostri ragionamenti teorici. Tra 2010 e 2013 ho sentito l’eterea bellezza della prudenza, serena, invitante, quasi carezzevole. Appena ho avvicinato la 2008 e la 2009 mi sono reso conto perché Pierluigi “Piero” non riesce a sentirle vicine, il suo palato è paragonabile a quello di un adolescente, iper-sensibile a sollecitazioni così drammatiche. Tra il 2007 e il 2009 il Fiano del Tufiello ha vissuto una fase di introiezione, a mio avviso benefica e indispensabile, e ha attraversato un periodo di preparazione a rinascere. È impossibile valutare e apprezzare il Don Chisciotte di quegli anni dedicandogli poco tempo. Anzi, col passare dei minuti, è stata sempre più evidente la razza di quelle bottiglie, una stoffa serrata e coinvolgente, maggiormente legata al profilo odoroso, espressa in un flusso unito, continuo, inesauribile. Campioni da «degustazione geo-sensoriale», per dirla con le parole del maestro Jackie Rigaux. I vini delle annate recenti non chiedono altro che un approccio spensierato, i “vecchi” vogliono essere sentiti, vissuti, pretendono persone fidate e le ricambiano non abbandonandole mai.
La notte della degustazione ho pensato che il destino del Don Chisciotte non può essere che quello, tornare alle premesse con cui era nato. Le annate recenti sono come l’interruzione di una crescita di un ragazzo o di una ragazza per paura che possano soffrire, provando a proteggerle da se stesse.
E credo che saranno proprio Piero e Nerina a recuperare il cammino interrotto, presto anche a loro sarà palese la bellezza struggente di 2008 e 2009 e, a quel punto, riprenderanno i fili per vivere integralmente il senso e il significato di quel liquido luminoso.

Pale eoliche in alta Irpinia
foto di davide vanni

Sempre nuova è l’alba di Rocco Scotellaro (Tricarico, Matera, 1923 - Portici, Napoli, 1953) da “È fatto giorno”, raccolta di poesie uscita postuma nel 1954 a cura di Carlo Levi.

Non gridatemi più dentro,
non soffiatemi in cuore
i vostri fiati caldi, contadini.

Beviamoci insieme una tazza colma di vino!
che all’ilare tempo della sera
s’acquieti il nostro vento disperato.

Spuntano ai pali ancora
le teste dei briganti, e la caverna,
l’oasi verde della triste speranza,
lindo conserva un guanciale di pietra.

Ma nei pensieri non si torna indietro.
Altre ali fuggiranno
dalle paglie della cova,
perché lungo il perire dei tempi
l’alba è nuova, è nuova.

Questa e altre poesie dedicate all’agricoltura è contenuta in una bella e preziosa antologia del 1997 intitolata “Melodie della terra - Novecento e natura” a cura di Plinio Perilli, Crocetti Editore.

Libri

La Rivista