logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Storie

Il vino, il mare e le stagioni - Accostamento alla cucina de Il Palmizio di Alba Adriatica

L’evento si è svolto il 30 giugno presso la sede di Porthos; è stato organizzato da Matteo Gallello con l’aiuto di Miriana Baraboglia e di Emanuele Tartuferi, condotta da Sandro Sangiorgi con Valerio di Mattia e la partecipazione straordinaria del professor Leonardo Seghetti. Un grazie particolare a Walter D’Ambrosio della Fattoria “Le Gemme”, alla signora Bruna, Andrea e Luigi Scorrano di Pomarius, a Roberto Di Gregorio e Luciano Cacucci, a Nadia e Olga.

Come potete notare dal menu, è rispettata la stagionalità di ingredienti e condimenti. La vera forza della cucina de Il Palmizio è l’efficacia dell’essenzialità, così riesce a farsi ricordare facendo emergere senza tema di smentita la statura delle materie prime.

Accostamento alla cucina de Il Palmizio di Alba Adriatica - Porthos Edizioni
foto di miriana baraboglia

Leggi tutto

Storia del fumetto - Dialogo tra Sandro Sangiorgi e Sergio Rossi

I puntata

a cura di Elisa Pantaleoni

Gli Ignoranti di Etienne Davodeau - Porthos Edizioni

 
Biblioteca Delle Nuvole
, Perugia

 

Sandro – L’idea è questa: io scrivo quello che ho imparato da te sui fumetti e tu scrivi quello che hai imparato da me sul vino. Facciamo come nell’opera di Davodeau, Les Ignorants, in cui il fumettista e il viticoltore Leroy si scambiano le proprie esperienze lavorative e di vita. Prima di Les Ignorants c’è stato qualche fumetto sulla viticoltura?

Leggi tutto

Manteniamoci giovani - Emidio Pepe, the man and his wine

È disponibile la versione in lingua inglese di Manteniamoci giovani - vita e vino di Emidio Pepe

Manteniamoci giovani - Emidio Pepe, the man and his wine - Porthos Edizioni

– Have you always known that you’d make one of the world’s great reds?
– Yes, it was my idea from the very beginning.


Emidio Pepe is a well-known figure among wine aficionados throughout the world. This book tells the story of a young farmer, born and raised in the hillsides of Abruzzo, who learned how to make wines that talk of the seasons and are full of life, passion and spirituality. Alice Colantonio and Matteo Gallello, our narrators, bring to life the experiences of an extraordinary man who’s fought tooth and nail for everything, and who today defends the unique personality of his wines with the same vigor. To understand them, we tasted 50 years-worth of Montepulciano and 40 of Trebbiano – the intense and seemingly endless vertical tastings bring to a close Emidio’s story. The title of the book comes from one of the catchphrases that Emidio is known for. A response to those who didn’t want to buy his wines, “manteniamoci giovani” sums up all of his personal strength and optimism, wishing them health and youth. Emidio Pepe was born in 1932 in Torano Nuovo. In 1964 he bottled his first Montepulciano, an fifty years later Emidio still has the same enthusiasm and ardor for his creations. He lives in the same house where he was born, surrounded by his beloved vineyards, and continues to work side-by-side his family.

traduzione di Astrid Zinn

Terra a cuore aperto

foto di davide vanni

Oggi non c’è tempo per la politica o per il calcio, per dire: «Tanto è tutto uguale. Non cambia niente».
Nell’aria si respira l’odore di cose chiare e semplici: non ci sono schermi e si va avanti nella stessa direzione. Lavoriamo fino alla fine con il sudore della fronte, con le mani, le braccia e tutto il corpo.
Oggi viviamo con il cuore della natura, alla maniera dello stercorario, delle termiti e delle api; o come i bambini che non rinunciano mai alla scoperta.
Oggi è un giorno diverso dagli altri: si vendemmia da Michele1.

Trattore michele

Leggi tutto

Il diario di Federica da Sonoma

Settima puntata
L’invaiatura è in anticipo di due settimane. I grappoli belli e grandi diventano spargoli, con chicchi più piccoli, risalendo la collina.
Quest’anno le stagioni, sempre prevedibili da queste parti, hanno regalato molte sorprese. Nei primi due mesi dell’anno, l’assenza di precipitazioni e le relative elevate temperature, hanno anticipato la ripresa vegetativa.


Invaiatura 2

Leggi tutto

Il diario di Federica da Sonoma

Sesta puntata
Con l’espressione inglese “field blend” si indica un vigneto composto da diverse varietà. In California, prima del proibizionismo e subito dopo, questa forma di allevamento era pratica comune. Al momento della vendemmia, le uve di tutte le diverse varietà che componevano il vigneto venivano raccolte contemporaneamente, cofermentate per poi essere eventualmente imbottigliate con il nome di località europee in base al colore del vino ottenuto e alle cultivar utilizzate.

Leggi tutto

Porthos edizioni presenta a La Gatta Mangiona: Manteniamoci giovani - vita e vino di Emidio Pepe

Lunedì 26 maggio 2014, a Roma presso
La Gatta Mangiona, ore 19:30 via Federico Ozanam 30, a due passi da Piazza San Giovanni di Dio

Giancarlo Casa, patron della Gatta Mangiona, proporrà due piatti d’impronta abruzzese: la pasta alla chitarra condita al ragù di tre carni e il manzo cotto nel forno a legna. Grazie al contributo degli amici Walter D’ambrosio e Valerio Di Mattia, cominceremo con le olive all’ascolana, realizzate secondo la ricetta tradizionale, e chiuderemo con la pizzadolce, dessert di stretta consuetudine teramana.
I vini messi a disposizione dalla famiglia Pepe provengono da alcune vendemmie storiche. Ma non solo: abbiamo chiesto loro di farci entrare nel vivo della selezione di ciò che diventa “riserva”, dunque godremo di un confronto fra tre vini di una medesima grandissima annata che stanno affrontando, ognuno, un diverso percorso evolutivo.

Oltre all’autore e ai narratori, sarà con noi il protagonista del libro accompagnato dalla famiglia. Emidio ci racconterà la sua storia di agricoltore che si trasforma in produttore di vino e intuisce il potenziale evolutivo del Montepulciano d’Abruzzo, allora conosciuto soprattutto come vino da taglio o, al massimo, bevuto giovane perché si credeva non superasse l’anno di vita. Indagheremo sulla sua vita di viaggiatore e uomo di marketing ante litteram, quando le cantine italiane che imbottigliavano non erano molte e la clientela andava formata con un perseverante “porta a porta”, in Italia e all’estero. Emidio Pepe è oggi una figura nota agli enofili di tutto il mondo. La bellezza del suo Montepulciano è l’assoluta originalità, concetto sempre più raro nell’universo enologico italiano. Gli elementi che ne compongono il corredo espressivo provengono direttamente dal luogo e dall’identità dell’annata, non hanno a che fare con il cemento o con il vetro, che rappresentano solo luoghi di maturazione e affinamento. Per questo, e per tanti altri motivi che scopriremo insieme, abbiamo ritenuto che Pepe potesse inaugurare la nuova collana di Porthos Edizioni intitolata “Persone”.

Alla presentazione del libro abbiamo voluto associare una cena, per condividere la vocazione del Montepulciano di Pepe a servire la tavola, quella straordinaria sensibilità legata al velluto della buccia dell’uva. I vini in degustazione saranno sei, i cibi quattro.

Il costo dell’evento è 50 euro e comprende anche il volume “Manteniamoci giovani”, il cui prezzo di copertina è 18 euro.

Per informazioni e prenotazioni:
Matteo Gallello, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o 333/9593960.


Scarica la locandina

Intervista ad Antonella Sgrillo

di sandro sangiorgi e sara manzin

Roma-Palermo, 10 ottobre 2013

«Attraverso il cibo posso offrire un pezzetto di me e donarlo agli altri».


L’autrice di Io riesco a vederci il Sole. Ricette di dolci con poesie – in uscita per Porthos Edizioni in una versione completamente rinnovata (nota dell'editore) – ci racconta la sua vita: il lavoro, l’impegno per liberare Palermo dal pizzo, l’amore per il marito Aldo e la nascita del suo libro.


antonella


Leggi tutto

Estinzioni



«Io so solo che tutto va ma non va».
da “A Tratti”, in Ko de Mondo del Consorzio Suonatori Indipendenti (1994)



Mi passano tra le mani il Verdicchio e il Fiano che duellano per chi dei due è “il migliore bianco italiano”; i romantici vini del Carso; il Barolo re dei vini, il Barbaresco vino da re; il Taurasi per intenditori e l’imprevedibile Mascalese dell’Etna. Tipologie didattiche perché esemplari, richiesti perché delineano profili e aprono i cuori.
Non mi sfiora nemmeno il pensiero che tali vini possano essere trascurati o abbandonati. Ma anche questi blasonati hanno attraversato problematiche molto gravi, basti pensare alla quasi totale scomparsa del Fiano irpino durante il periodo della fillossera. Alla sola idea mi tremano le gambe.

Spiaggia Soverato

Leggi tutto

Dialogo tra due enofili impenitenti

Perché preoccuparsi degli operai, che eseguono ordini precisi?
Studiate piuttosto gli architetti.
Nicolas Joly



ATTO IV 

Sandro – L’informazione è uno dei traguardi storici raggiunti dall’uomo moderno. Oggi chi vuole informarsi ha davvero tante possibilità, soprattutto grazie al web. È ovvio che bisogna anche essere “attrezzati” culturalmente per orientarsi, per distinguere quale informazione è “meno schietta”, perché qui nessuno ha ragione o torto. Il punto è che le persone devono imparare a difendersi da sé. Pensandoci bene, ci rendiamo conto di quanto sia condivisibile la riflessione – qualcuno lo considera un vero e proprio monito – di numerosi filosofi e osservatori della società odierna.
Carmelo – Intendi la fine del leaderismo?


6 L


Leggi tutto

"Laddove mancano i nomi e le canzoni per raccontarli, manca la vita"

Una voce di donna mi risponde al telefono: «Il signor Maga è uscito. Se mi lascia il suo numero la faccio richiamare». Poco dopo mezzogiorno squilla il mio cellulare. Sento una voce pacata, all’interno della quale c'è un po’ di rassegnazione. «Posso passare da lei per assaggiare il suo vino, fare due chiacchere e vedere la cantina e i vigneti?», chiedo. Il signor Maga mi risponde semplicemente con un sì e un arrivederci.

Leggi tutto

Riviste

Libri