logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Archivio

Guccione Francesco - sulla certificazione dei vini naturali

Il parere di Francesco Guccione – Azienda Agricola Guccione (Monreale – PA).

Francesco Guccione– Vini Naturali: certificazione o no? Se sì, quale?
Ritengo che la certificazione sia un atto importante per un’azienda e, a questo riguardo, sono d’accordo con Joly, ma credo che l’ufficializzazione sia un passo da fare dopo qualche anno di attività. Sono convinto che un produttore debba prima di tutto puntare sul lavoro, sull’impegno e sulla serietà della propria azienda, per far sì che sia conosciuta per questo: in seguito potrà pensare di avvalersi anche di una certificazione riconosciuta. Questo perché può accadere che alcuni produttori facciano il minimo indispensabile per rientrare nella certificazione, molto meno di altri che magari lavorano da anni e con serietà secondo il metodo biodinamico, senza avere alcun marchio.

– Come mai, secondo te, non tutte le aziende biologiche e biodinamiche si certificano?
Il costo della certificazione non è da poco: siamo già penalizzati da un’IVA al 20% e ogni spesa che si aggiunge rende più difficile la commercializzazione.
L’etichetta di azienda biologica, inoltre, può essere utile in certi mercati, ma in Italia è ancora poco presente e a volte può essere un boomerang, specialmente qui in Sicilia, dove c’è sempre una certa ritrosia. In più c’è da pensare che è difficile, purtroppo, sentire parlare di vino biodinamico di qualità da parte di chi vende, perché c’è ancora poca conoscenza sulla biodinamica in vigna e in cantina.
Credo insomma che un vino debba avere prima di tutto dei riconoscimenti: io posso scrivere sulle bottiglie che il mio è un prodotto biodinamico perché l’azienda è conosciuta come tale, (ai clienti esteri allego la certificazione di azienda biologica, in conversione biodinamica) e ha mercato perché alle spalle ha una credibilità. Ecco, penso che l’obiettivo più importante, quello che garantisce il ritorno più soddisfacente, sia proprio la serietà dell’azienda. La certificazione è un passo successivo.

Francesco Guccione – Monreale (PA)

Riviste

Libri