logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

da martedì

3

ottobre

Roma

L'approccio al vino alla scoperta della bellezza

3, 10, 17, 24 novembre e 1° dicembre
Questa serie di lezioni è dedicata a chi vuole imparare ad accogliere la bellezza, come un esploratore disposto a scoprire la varietà delle emozioni. 
Nessun timore di sentirsi ignoranti, saremo noi a guidarvi.

leggi tutto

lunedì

28

settembre

Roma

L'eredità di Angel - I Mlečnik e la Valle della Vipava

La Vipava è il fiume che collega la pianura friulana alla Slovenia centrale. Valter Mlečnik, nipote del fondatore Angel, prende in mano l’azienda alla metà degli anni ottanta e ben presto la converte all’agricoltura naturale.

leggi tutto

lunedì

14

settembre

Roma

Il vigneto: comunità e contaminazioni - I vini da vigne miste

Un tempo il contadino piantava vitigni diversi nella stessa vigna, forse per comprendere quali si sarebbero adattati meglio al clima e alla terra del luogo. Col passare degli anni il vignaiolo ha scoperto un’interazione energetica ben al di là del visibile, da cogliere tutta nel vino.

leggi tutto

da lunedì

14

settembre

Roma

Il calendario eventi 2020/2021

Ecco il calendario degli eventi che si svolgeranno presso la sede di Porthos tra settembre 202o e aprile 2021

leggi tutto

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Riesling: lignaggio, rigore, identità – II lezione, Nahe

12 maggio 2016, Sede di Porthos, con Max Argiolu
 
Parole chiave: innovazione, emotività, minimalismo, progressione, silenzio.

Riesling 12 05

Mise en buche. Traiser Rotenfels Kabinett 2009 Dr. Crusius (Traisen)
Il residuo zuccherino è contrastato subito, sia dall’acidità sia dalla salinità pungente; i profumi hanno superato la fase scherzosa e leggiadra del frutto, si sono stabiliti sulla vena di erba scura, quasi di radice; un Riesling poco disponibile a concedersi, un Kabinett al confine con la secchezza.

1. Schloßböckelheimer Küpfergrube Grosses Gewächs 2008 Schäfer Fröhlich (Bockenau)
L’aspetto acidulo pizzica e gioca con lo strettissimo margine dello zucchero residuo, è un “friccico speciale”; è a suo modo esuberante; semplice, alla distanza assume una regolarità quasi principesca.

2. Schloßböckelheimer Felsenberg GG (Magnum) 2008 Schäfer Fröhlich (Bockenau)
Crudo e minerale, vivido, sottile, sollecita la tattilità della lingua, ha una modalità minimalista, inesauribile, intenerita da una temperatura che lo rende quasi affettuoso; in parte riprende il flusso gustativo del precedente e lo consegna più pieno nelle sensazioni finali, resistente come un filo d’acciaio.

3. Monzingener Halenberg GG 2008 Emrich-Schönleber (Monzingen)
Sana maturità a disposizione di un profilo etereo e carnoso, scalfito da un pizzico di ossidazione: nel primo strato c’è l’oliva, nel secondo più evidente l’anima floreale; con questa etereità odorosa inevitabile che il liquido si sviluppi sulla lingua con tempi meno serrati, dilatando la cedevole vena alcolica; tratto mediterraneo pronunciato e sempre più evidente col passare dei minuti.

4. Hermannshöhle GG 2011 Hermann Dönnhoff (Oberhausen an der Nahe)
Glaciale e remoto, sa di liquirizia e menta, è denso, composto, la grinta dell’acidità che non teme la morsa di estratti e alcol; vuole far salire la parte più minerale, si rivela un vino da vivere a tavola con pietanze originali ed esotiche.

5. Norheimer Dellchen GG 2011 Hermann Dönnhoff (Oberhausen an der Nahe)
Complesso e bellissimo nella fragranza e nell’integrità dell’impatto, sul filo lieve della relazione tra frutta ed erbe, gentilissimo nell’arrivare sotto le narici, tanto quanto è energico nel prendere possesso del palato, come quando bevi direttamente da una sorgente in montagna; fragrante nella ricchezza del finale dove amplifica le premesse del precedente.

Leggi tutto

La Sardegna col velo

testo e note di degustazione di matteo gallello
a cura di sandro sangiorgi
foto di giampiero pulcini


Mi sembra inevitabile che, dopo qualche mese, la riflessione iniziale vada a concentrarsi sul senso di quell’incontro di fine ottobre. Certo perdura la bellezza di quei vini imprevedibili e paradigmatici, rimangono ancora i profumi amari, di miele e resine, secchi eterei ammandorlati. Ancora di più permane il pensiero sulla compagnia, l’ospitalità, lo scambio, la meditazione, la lentezza che queste specialità racchiudono. E su valori imprescindibili del vino come l’essere spontaneo e consegnarsi verace che, applicati allo scambio umano, racchiudono il senso della civiltà.

Vernaccia di Oristano e Malvasia di Bosa rimangono per me vini-sorpresa e vini lenti, mai immediati, eppure sempre disponibili. Vini che interpretano un momento, irrompono da un’origine particolarissima, brulicante, incontrollabile, eterna.
Sandro rilevava: «La produzione di vino degli ultimi trentacinque anni ha avuto paura del rapporto con l’aria. I produttori l’hanno temuto, l’hanno demonizzato. Anche nelle iper ossidazioni il tentativo è sempre l’opposto, controllare il vino, decidere al posto suo, mentre un’accorta e naturale dialettica con l’aria ha un valore ed è un valore».
La dialettica e il confronto sono le premesse del vivere felice, nostro e del vino buono.
Di seguito leggeremo le parole di Giampiero Pulcini, Davide Orro, Gianmichele Columbu e Vanna Mazzon: nessuno di loro, anche nella spiegazione scientifica più complessa, trascura la più grande virtù alla base di una comunità, di un sistema sociale chiamato (luogo di) origine.

Vernaccia di Oristano - Porthos Edizioni

Leggi tutto

Riesling: lignaggio, rigore, identità – I lezione, Mosel Saar-Ruwer

5 maggio 2016, Sede di Porthos, con Max Argiolu

Parole chiave: vibrazioni, acqua di riso, erba medica, talento, fragilità.

Riesling1

Mise en bouche
Bernkasteler Graben Kabinett Trocken 1994 Sebastian Alois Prüm (Wehlen)
È un vino nato sottile che si è assottigliato in modo corale, conservando quella delicatezza “in filigrana” che ne costituisce il maggior elemento di fascino; è stato un modo per prepararci a sentire, per provare a rivolgerci alla tipologia, il Riesling nella Mosel-Saar-Ruwer.

1a
Eitelsbacher Karthäuserhofberg Kabinett 2011 Karthäuserhof (Trier)
Il liquido si solleva e attraversa la poesia del Riesling, s’insinua nelle pieghe del terroir e ci coglie pronti a ricevere il suo messaggio di freschezza; ogni volta che lo si avvicina riprende a spiegare dall’inizio chi è e da dove viene.

2a
Eitelsbacher Karthäuserhofberg GG 2009 Karthäuserhof (Trier)
Fiorito di rosa sulfurea, netto e generoso; la vena tattile è pronunciata e conduce la densità del frutto bianco nella corrispondenza naso-bocca, proprio in fondo, quando il profumo sembra scomparire.

3a
Scharzhofberger GG 2009 Reichsgraf von Kesselstatt (Morscheid)
Contraddittorio e riottoso, gioca tra lo slancio acido, quasi acre, e la matura cedevolezza dell’alcol, appassiona per come si trasforma nel bicchiere, dopo un inizio confuso sa far emergere una stratificazione disciplinata e questo maggiore ordine odoroso si riflette in una scatenata energia gustativa.

4a
Scharzhofberger Kabinett 2009 Egon Müller (Wiltingen)
Pugnace e progressivo, elegante per vocazione, non sbaglia una nota in virtù di un meraviglioso senso del ritmo; promette molto e mantiene altrettanto, sul piano sapido e su quello fisico, ma tiene per sé una faccia non rivelata, la tiene stretta e non la svela, almeno per ora.

Leggi tutto

Intervista a Davide Vanni

a cura di laura pinelli e francesca pasqui

Abbiamo intervistato Davide Vanni, autore del documentario Vitae dedicato ai produttori di vini naturali che verrà proiettato sabato 9 aprile alle 18:30 a Cerea, in provincia di Verona, nell'ambito della manifestazione ViniVeri. Introdurrà l’evento Sandro Sangiorgi.

Davide Vanni studia al liceo scientifico di Salò e inizia ad allontanarsi da casa nel 1995 iscrivendosi alla facoltà di psicologia di Padova. Poi inizia il lavoro con i ragazzi autistici in terra friulana. Un altro trasloco lo conduce a Torino per il biennio alla scuola Holden e tanto cinema. Dopo un campus di cinema e magia in Lucania parte deciso verso il mondo del documentario.

Leggi tutto

Libri

La Rivista