logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto
Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Le degustazioni

Capovilla, primavera

Martedì 21 marzo è cominciata la primavera e si è completata la stagione autunno-inverno del progetto didattico Porthos racconta. Non c′era persona migliore di Capovilla per dare a quest′ultima serata un valore triplice. Innanzitutto il suo carisma, in secondo luogo è stato con la sua squadra-famiglia e poi i profumi delle sue acquaviti anticipano la bellezza odorosa e il tepore della nuova stagione.

Capo1


Lo scambio con i partecipanti è stato avvincente, a un certo punto era tale il suo desiderio di raccontare che finiva per sovrapporsi alla sua stessa voce registrata in un breve video di introduzione. Abbiamo imparato ancora molto sulla distillazione, ma non solo... il Capo ha una sete di conoscenza tale che anno dopo anno è sempre più preparato su tutte le tematiche che riguardano la produzione alimentare, dalla meccanica degli strumenti alla microbiologia delle fermentazioni spontanee. 71 primavere non si sentono, lo spirito è quello di un giovane che continua ad evolversi, lo slancio è di chi non vuole tenere segreti e cerca sempre di condividere ciò che fa.

Capo2

Abbiamo seguito i suoi consigli e ci siamo trovati accostamenti meravigliosi, quello del distillato di Susine Mirabelle di Nancy sul Vezzena stagionato e quelle dell′acquavite di Pere Moscatello sul gorgonzola naturale. Un altro aspetto vibrante è la possibilità di ricostruire, sorbendo le grappe di Amarone e di Gewürztraminer, la vita del vino e delle vinacce, come se avessimo una macchina del tempo a servizio della sensorialità. La chiusura con la BierBrand, acquavite di birra, e la Grappa Tabacco accostata a un cioccolato fondente Valrhona 72% hanno ribadito quanto sia imprevedibile e sconfinato l′universo della distillazione. Il Capo, col suo collaudato alambicco a bagnomaria, è sempre alla ricerca, ogni giornata è buona per scoprire un′altra materia dalla quale tirare fuori la vita e imprigionarla per la felicità delle persone.

capo3

Un ringraziamento speciale a Vincenzo Mancino di DOL per il pecorino semistagionato e l′erborinato di pecora del caseificio Maremma in Tuscia di Francesca Manca a Montalto di Castro (VT)

Aggiungi un commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Riviste

Libri

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità Leggi l'informativa sulla cookies policy