logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto
Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Il vecchio, il denaro e la bottiglia

Anche i ricchi muoiono, persino quelli che bevono bene. Uno di loro, infatti, è morto qualche giorno addietro e io lo ricordo stasera, a tavola, aprendo una delle bottiglie che mi regalò: Château Clarke del 2005. Il vino, se interessa, è un Listrac Medoc, prodotto dalla Compagnie Vinicole Baron Edmond De Rotschild. Il defunto, invece, titoli nobiliari non ne aveva; era solo un anziano capitalista, con la passione divorante per il denaro e le belle cose della vita: donne, barche, case, macchine. Un meridionale inurbato, di umili origini, che conquistò il successo – nel suo caso, i soldi – restando in penombra, ma che quando voleva vedere il cielo, premeva sul telecomando e spalancava il tetto mobile dell’alloggetto, come diceva lui.

Molto rotondo di Ronald Searl - Porthos.it
Vignetta tratta da "parlardivino - gusti e disgusti degli assaggiatori di vino" illustrato da Ronald Searle, trad. italiana di Giorgio Celli, Edagricole, Bologna 1986

Le competenze, con Roberto Liberati

foto di pino carone

L’evento è stato organizzato da Matteo Gallello, realizzato con la collaborazione della Bottega Liberati, Gabriele Bonci e di Pomarius. Grazie al prezioso aiuto di Sonia Eduardo, Federica Mirti, Pino Carone e Chiara Guarino. Condotto da Roberto Liberati e Sandro Sangiorgi.

Cuore, lingua, montone
Non sono gli elementi per una pozione né le parole di una formula magica. Sono gli ingredienti dei sette assaggi che abbiamo voluto nella prima serata del seminario Le competenze con Roberto Liberati. Più che un indottrinamento, è stato uno scambio, un modo di intendere la nutrizione, il nutrimento, il consumo. Ci siamo confrontati sugli equilibri dell’animale, dell’uomo, del territorio. Motore di tutto è il rispetto. Abbiamo accennato alle catene alimentari: il dono, la morte, l’assimilazione. E poi il senso del cibarsi di carne, trarne il gusto e la sostanza: «solo attraverso la vita sana e felice dell’animale è possibile ammettere il suo sacrificio», dice Roberto. L’allevamento è basato su un senso delle proporzioni e su valori forti, è una scelta. Come amare o rifiutare la carne in questo momento storico.

Vini per le carne cruda di Bottega Liberati - Porthos.it

Riviste

Libri

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità Leggi l'informativa sulla cookies policy