logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto
Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

La (prima) verticale del Brillèro di Poggio Concezione

con la collaborazione di roberto muzi

È stata una degustazione preziosa, per le persone che vi hanno partecipato e, soprattutto, per noi di Porthos. I motivi principali sono due. In primo luogo, la possibilità di offrire agli allievi e alle allieve del nostro progetto didattico un confronto inusuale: la produttrice che racconta, proprio mentre accade, come sta cambiando il suo percorso tecnico e di conoscenza.

Verticale Brillero1

Gli Ignoranti, la seconda edizione

È uscita la seconda edizione, riveduta e ampliata, del graphic novel Gli ignoranti - Vino e libri: diario di una reciproca educazione di Étienne Davodeau. Per la prima volta in un graphic novel sono narrate l’editoria e l’enologia attraverso il racconto delle esperienze di vita dei due protagonisti.
Étienne Davodeau è conosciuto in tutto il mondo per i suoi reportage a fumetti, tra i quali Rural!, Les Mauvaises gens e Un homme est mort.
 Richard Leroy, viticoltore della Loira presso Rablay sur Layon, è tra i migliori produttori francesi di vino ottenuto da agricoltura biodinamica. Étienne e Richard decidono di trascorrere un anno insieme per imparare uno il lavoro dell’altro e capire se sia possibile coltivare una propria individualità creativa nel mercato globale, senza demonizzarlo ma neppure uniformandosi a un gusto minimo comune. Un reportage sull’etica del Fare, guardando al futuro rispettando il passato.

Copia di Copertina Nuova Ignoranti LD

La pasta

Il primo giorno alla scuola di Porthos significa cibo di conforto. Vogliamo riportare le persone a quei momenti di vita quotidiana nei quali si vuole essere incoraggiati, per esempio quando si torna da scuola o dal lavoro.
La pasta è il confort food per antonomasia, e quella prodotta dalla famiglia Assante ne rappresenta la quintessenza. Il pastificio Gerardo di Nola nasce nel 1870 a Gragnano. Negli anni trenta si trasferisce a Castellammare di Stabia, sede produttiva fino al 1995. Oggi la sede è tornata a Gragnano. La storia di Giovanni è avvincente: negli anni ottanta lavora nel pastificio e finisce, in tempi non sospetti, per barattare il valore del suo TFR con il marchio. Una grande idea, che vale il futuro di tutta la famiglia.

3ottobre

Riviste

Libri

Su questo sito sono attivati i cookies per migliorarne l'usabilità e le funzionalità Leggi l'informativa sulla cookies policy